“Per non dimenticare” di Angela Perulli


Ho dimenticato il mio nome
L’ho lasciato
tra i volti esangui
tra gli occhi di terrore
tra i corpi incartocciati
nel fumo
ormai bruciati
tra i sogni disperati
tra infanti senza madri
tra uomini malati
di fanatica violenza
ed oggi senza nome
nel tuo ricordo
mi privo dell’ essenza.

Angela Perulli