“Le notti di dicembre” di Maria Rosaria Teni

editorialeSono fredde le notti di dicembre, tagliano il viso, penetrano nelle ossa e le coperte non bastano a salvare chi vive per strada o attraversa il mare su un barcone. È dicembre e le notti sono così, ma non per tutti: chi è al riparo in case riscaldate non si accorge che fuori la gente muore. È dicembre ed è già partito il conto alla rovescia per la festa più bella dell’anno, il Natale magico, in cui tutti si ricordano di essere più buoni, in cui si addobbano stanze di mille luci variopinte e intermittenti che simulano i battiti del cuore, perché il Natale è la festa del cuore, dei ricordi d’infanzia, delle nostalgie che prendono e attanagliano il respiro. Mancanze pesanti, assenze vive nel pensiero e canzoni di dolcezze antiche che sono riverberi di un passato che se n’è andato, per sempre. Mentre, intanto, sullo sfondo si consuma una guerra disumana e bambini cercano giocattoli che giacciono su pozzanghere infangate, dilaniati dalle mani di spietati orchi che divorano i sogni di un’infanzia mutilata. Nei vari notiziari rimbalzano notizie e si discute sull’opportunità di allietare i Paesi con alberi e festoni, luminarie e addobbi mentre, intanto, nei paesi in guerra i luccichii sono lampi di terrore. Appare paradossale che una festa, che ha in sé una valenza di profonda umanità, possa rischiare di apparire come uno dei soliti eventi che ricorrono per assecondare, in realtà, il solo e puro gusto di vanità e superficialità. Lo spirito del Natale è ben altro e la nascita di un Bambino, che miracolosamente si compie nell’umile capanna, dovrebbe insegnare la vera essenza della vita, la solidarietà, il rispetto e soprattutto la fraternità, scevra da discriminazioni, o peggio, da razzismi e pregiudizi. Una volta all’anno, aleggia la speranza di credere in un miracoloso declino dell’arroganza, della superbia, della prepotenza propria di persone abituate a superiorità fallaci e, a volte, sconsiderate. Mi accorgo, tuttavia, che non dovrebbe esistere solo a Natale il proposito di riflettere sulla deriva cui l’essere umano si sta avviando, bensì ogni giorno, proprio quando invece assistiamo a scene di violenza, di disagio sociale, di sfruttamento e di disprezzo, arrivando a considerare esseri umani alla stregua di zavorra ingombrante. Natale può essere ogni giorno, ma può anche non esserlo mai!
Maria Rosaria Teni

Dondola la tua culla
nel mare gemmato
di fulgide stelle

Un legno sbrecciato
in balia di onde spietate,
fantasmi insonni a ghermirti

Di te resta una foto,
un comunicato stampa,
un’estemporanea indignazione

Di te sopravvive il ricordo,
una madre straziata
che piangerà in eterno

chiedendosi perché tanto dolore
nel caos disumano
della vita.

Maria Rosaria Teni

 

Pubblicità

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Editoriale. Contrassegna il permalink.

4 risposte a “Le notti di dicembre” di Maria Rosaria Teni

  1. Mariantonietta ha detto:

    Analisi di un Natale senza Dio e senza Uomo… Stiamo insieme ma siamo lontani con l’obbligo di far vedere che tutto va bene bene…
    Grazie editoriale che ispira tante riflessioni

    "Mi piace"

  2. Mariano M.C. ha detto:

    prezioso riferimento alla tragedia di bimbi indifesi che annegano

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.