Viaggio a Montevideo, Dino Campana

(audiopoesia – lettura di Rita Stanzione)

Viaggio a Montevideo, Dino Campana  (Marradi, 20 agosto 1885 – Scandicci, 1 marzo 1932)

Il testo, tratto da Canti Orfici, racconta della lunga traversata marina realmente compiuta dal poeta per recarsi nel 1908 dalla Spagna all’America del Sud. La data di composizione della poesia va collocata tra il 1908 del viaggio e il 1914 della prima pubblicazione.

Narrazione e mistero

Questo componimento presenta un taglio narrativo e avventuroso niente affatto frequente nella poesia italiana del nostro secolo. D’altra parte appare forte la tendenza a rendere astratti e indefiniti i lineamenti del paesaggio e lo sviluppo dell’azione, fino a trasformare l’avventura in una favolosa apertura al mistero. Risulta in tal modo qui chiarissima la duplice direzione della ricerca di Campana: scandagliare senza nessuna prudenza o esitazione l’abisso esistenziale e cosmico della vita, aprendosi al rischio della dissoluzione e dell’insensatezza; mirare alla ricostruzione di un’armonia complessiva delle cose in se stesse e tra io e mondo. Sul piano formale questa duplicità si esprime nello scontro tra la vocazione spesso espressionistica dello stile e la ricerca di unamusicalità che colmi lo scarto tra soggetto ed esperienza.

Cominciai a viaggiare… viaggiavo molto. Ero spinto da una specie di mania di vagabondaggio. Una specie di instabilità mi spingeva a cambiare continuamente.

(dalla dichiarazione rilasciata da Campana negli ultimi anni di vita al medico Pariani che lo seguiva durante l’internamento in manicomio).

Fonte: http://xoomer.virgilio.it/micheleruele/CD_223.pdf

Informazioni su alessandria today

Ex Dirigente, consulente e ora blogger Background, di Pier Carlo Lava Le mie esperienze lavorative nel settore Commerciale & marketing, un mondo che affascina, motiva e stimola, che ha contribuito a farmi crescere sotto il profilo professionale e umano. Un mondo dove non esiste la routine in quanto si rinnova ogni giorno, quasi ogni momento, un mondo in cui organizzazione, metodo, psicologia, dialettica, ma anche creatività e improvvisazione, sono gli elementi essenziali che contraddistinguono gli abili commerciali così come i valenti creativi nel Marketing. Molti di noi potendo ricominciare da capo intraprenderebbero altre attività, altri percorsi, personalmente invece non cambierei quasi nulla farei la stessa scelta, ben sapendo che per motivazioni intrinseche non sarebbe mai uguale, forse l’unica cosa che cambierei sarebbe quella di dare maggiore spazio alla famiglia, perchè confesso di averla un po trascurata.
Questa voce è stata pubblicata in Narrativa e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.