“Consigli per lettura – agosto 2021” – a cura di Mariantonietta Valzano

71y+Znc2egL._AC_UL320_

“Il muto di Gallura”
di Enrico Costa

Nonostante qualche decennio fa abbia visitato una parte dell’isola sarda, non ho mai avuto modo di approfondire le tradizioni e le caratteristiche della Gallura. Enrico Costa è un impiegato statale della fine dell’ottocento, uomo attento e acuto nell’osservare quanto nel ricercare informazioni da tradurre in Storia. Sebastiano Tansu nasce in una terra aspra e ricca di persone, dove viene osteggiato e vessato dai suoi compagni di scuola e di giochi. Subisce per anni fino a quando non assume il suo ruolo spietato all’interno delle faide familiari, che si consumano dalla prima metà dell’ottocento fino alla seconda metà del Novecento. I galluresi sono persone molto sensibili, sono dei poeti, sono forti e tenaci… e alquanto permalosi?!?
In questa società di stazzi e cusserghie si, sviluppano vere e proprie guerre, con codici di onore da rispettare e regole non scritte da non trasgredire. Il romanzo storico su Bastiano Tansu è l’occasione per approfondire circa un quarto di secolo di storia e di scendere nei meandri di una terra che cela sudore, sangue, orgoglio e sentimento. Nulla è scontato in Gallura neanche la fine del “muto” che dopo essere stato strumento di vendetta, vede dissolversi la speranza di una vita da uomo amato, ciò che non ha mai provato e che gli avrebbe impedito di diventare il bandito che tutti temono, a dimostrazione che vi è una radice buona in lui. Tuttavia non vi è stato alcun virgulto se non una illusione fiorita in mezzo alle ingiurie e all’inganno, che prima ancora di offenderlo nell’onore lo feriscono come persona… forse perché nessuno lo ha mai considerato persona. Beffarda riaffiora la sua solitudine fatta di vendetta dovuta e alla fine si lascia scivolare tra le come dei monti senza porvi sforzo alcuno, aderendo al suo destino che sembra maledetto dagli albori. “Il muto” svanisce e con lui la sua arte di intagliatore e il suo estro sacrificato al giuramento di fedeltà alla famiglia, che in lui ha solo visto uno strumento da usare… e forse nelle storie che si intrecciano e nei sentimenti che vi tessono la trama, si potrà trovare un po’ di pietà e comprensione per un uomo che in tutta la sua vita ha vissuto solo di violenza.
Mariantonietta Valzano

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.