IL LIBRO DEL MESE: “Mani nelle mani” di Simona De Riccardis – Luglio 2021


il libro del mese_page-0001

È un’afosa domenica di fine luglio. Il caldo bussa alle finestre, chiuse per contenere il fresco del condizionatore ed evitare che si disperda attraverso anche il più piccolo spiraglio. Ho appena terminato la lettura di un romanzo che mi ha lasciato un’impressione di tale e tanta stupefatta emozione che posso ben giustificare con l’espressione “Sono rimasta senza parole!”. Non si tratta del consueto libro che parla del Sud, offrendo una stereotipata descrizione delle sue caratteristiche morfologiche e sociologiche, ma si parla, in questo caso, di un’opera che “racconta il Sud”, lo penetra nelle più intime pieghe e lo tramanda in un magico passaggio da mani attente a mani accoglienti, che lo ricevono e lo vivono nell’ essenza più autentica e realistica, lasciando intatta la tradizione e la storia.

51uxaaGyzDL
Mani nelle Mani
Simona De Riccardis

Il libro che vorrei presentare nella rubrica “Il Libro del Mese” è il romanzo d’esordio della scrittrice salentina Simona De Riccardis, Mani nelle mani, pubblicato nel 2018 per i tipi di Esperidi, che mi ha particolarmente coinvolto e mi ha regalato rare emozioni. L’ho trovato accattivante già dalla copertina che risalta per raffinatezza, intensità e profumo d’altri tempi, che raffigura un elegante cappello adornato di delicati fiori dai tenui colori che inevitabilmente fanno pensare ad aromi di un tempo passato ma non dimenticato. Leggendolo, mi sono poi imbattuta in una narrazione emozionante e appassionata che l’autrice conduce con maestria e padronanza stilistica, portando inevitabilmente il lettore nel mondo della protagonista, Emma che, attraverso il racconto della nipote Greta, risalta in tutta la sua forza ed eccezionalità. Emma è una donna straordinaria, raffinata, di grande nobiltà d’animo, la cui esistenza si snoda attraverso tutto il ventesimo secolo, toccando la drammaticità dei conflitti mondiali, le secolari ingiustizie sociali, le convenzioni bigotte e retrograde di un Sud ancorato su archetipi classisti ma che, con piccoli passi realizza progressive maturazioni. Emma si erge nella sua femminilità e assurge a eroina, combattendo pur con mille fragilità, per affermarsi in un contesto familiare e sociale coinvolto da mille pettegolezzi e chiacchiericci. Nel romanzo si inseriscono vari accenni a elementi spirituali e misteriosi, frutto di credenze popolari, nel solco della tradizione taumaturgica, ma chiaro emerge il sostegno di una profonda fede religiosa che anima la protagonista e che la accompagnerà attraverso i periodi di una vita assai articolata che sullo sfondo riflette e lascia intravedere i vari processi di cambiamento culturale e sociale del Sud e in generale dell’Italia. Emma è una donna capace anche di grandi sentimenti e di passioni e vive un grandissimo amore irrealizzato, ma che, tuttavia, non esita ad affrontare una seconda occasione di un amore più modesto, la cui scelta è stata diretta da genitori autoritari, che le consente tuttavia di realizzare la gioia della maternità, la nascita dei tre meravigliosi figli che le saranno vicini per tutti suoi 104 anni di vita. La protagonista assoluta della storia trascorre la sua infanzia e adolescenza nelle ampie sale di Villa Pommo, incastonata nel cuore del Salento, tra un’altalena di episodi gioiosi ed episodi tristi, momenti di tranquillità trascorsi a ricamare, a leggere, a sgranare il rosario e momenti di tristezza e di disperazione quando perde l’amore più grande della sua vita. Con il matrimonio si trasferisce a Lecce e la città barocca, nella sua regale eleganza, fa da sfondo a una storia di maturità e di ostacoli. Tra i vicoli di Lecce, adornati da ricami architettonici di straordinaria fattura, si sviluppa dunque una più complessa storia di vite vissute in un passato non molto lontano, ma già velato dalla patina del tempo che inesorabilmente porta con sé la perdita di memoria. In questo contesto ritroviamo l’autrice colta, esperta nel tracciare un tessuto narrativo abilmente strutturato e duttile tra un passato ancora vivo in un presente profumato di aromi antichi di talco e di violetta. Un romanzo intenso e suggestivo che ritrova tra pagine di vita un soffio di costumi d’altri tempi e riscopre il desiderio di tramandare memorie che, senza la funzione commemorativa delle parole, si perderebbero dei meandri del tempo. Un’opera che si sostanzia del desiderio di sottrarsi alla perdita di ricordi cari, che ripercorre un periodo di vita vera vissuta che diventa simbolica per una generazione che non ha conosciuto realmente momenti storici ed economici che hanno segnato le sorti dell’Italia, e in particolare del Sud, nel corso del Novecento. Dal punto di vista strutturale, il volume presenta un’intelaiatura morfosintattica ottimamente accurata, con descrizioni appropriate che si svelano in narrazione scorrevole e fluida, elaborando un linguaggio adatto ai vari personaggi e non disdegnando l’adozione di termini in vernacolo, per meglio caratterizzare le varie personalità, consentendo di apprezzare la perizia dell’autrice nel trattare l’elemento narrativo. Un romanzo, quello di Simona De Riccardis, che merita senz’altro un posto importante nel panorama letterario e, pur parlando e trattando di un Sud, di una città del Salento nell’estremo tacco d’Italia, in realtà adotta uno stile e una tematica in cui si ritrovano gli uomini che si sentono parte della Storia. [Maria Rosaria Teni]

simona-de-riccardisSimona De Riccardis

Simona De Riccardis, avvocato, nel luglio 2018 ha pubblicato il romanzo “Mani nelle mani” con Edizioni Esperidi, che nel dicembre 2018 ha ricevuto il premio speciale “Verbumlandiart” al Premio Internazionale di Poesia e Prosa “Città del Galateo”, VI edizione.
per info: Simona De Riccardis

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in IL LIBRO DEL MESE. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.