“Una nuova pagina…” di Maria Rosaria Teni

Una nuova pagina da scrivere nel quaderno della vita, una pagina ancora ignara della storia che sarà narrata all’alba di un nuovo anno che è sempre più distante da quello della nascita. Ogni volta che arriva l’ultimo giorno dell’anno subentra un refolo di nostalgia per tutto ciò che è stato, che si è vissuto, nel bene e nel male, con la consapevolezza che nulla sarà più uguale. È stato un anno difficile; lo abbiamo espresso tutti noi e lo abbiamo detto in ogni modo. Nella storia dell’umanità, ciclicamente si avvicendano anni e periodi particolarmente nefasti e i tanti episodi di epidemie, guerra, terremoti, carestie disgrazie sono ben enumerati e scandagliati dagli storici, attenti anche a definire approfonditamente eventi che hanno contribuito al verificarsi di tali catastrofi. Il 2020 ha segnato e insegnato, ha spaventato e ha fatto riflettere, ha disorientato eppure, paradossalmente, ha orientato inclinando a un antropocentrismo teso alla valorizzazione dell’essere umano, visto nella sua precarietà dinanzi alle insidie di un male subdolo e devastante. Forse siamo migliorati, forse siamo maturati nella consapevolezza che in fondo non ci apparteniamo se non nella misura di un breve arco temporale e quindi, nella vana fiducia in un’illusoria salvezza finale, abbiamo tralasciato per un attimo le vanità riappropriandoci della dimensione più intima. Tante sono le riflessioni che mi hanno accompagnato in questi ultimi giorni del 2020, tanti anche i dubbi che un ritorno all’agognata normalità possa essere arricchita dalle esperienze vissute, ma credo che sia necessario andare avanti e sostenere i propri ideali. La nostra rivista, nell’anno che abbiamo trascorso, ha rappresentato un punto di riferimento per tutti coloro che hanno voluto condividere questi ideali e si sono affidati alla propria sensibilità e capacità per rendere viva l’esperienza della scrittura. Si è registrato un altissimo numero di lettori, superando la soglia dei centomila, arrivando ai circa 600 visitatori nella serata in cui Roberto Bolle ha ospitato una stupenda esibizione che ha visto protagonista la struggente poesia “Ancora mi solleverò” di Maya Angelou. Sono nate nuove rubriche grazie a Lorenzo Fiore, curatore “In prosa e in Poesia”, Myriam Ambrosini, con le sue “Divagazioni letterarie”, mentre si sono consolidate collaborazioni importanti con Antonio Teni, Apostolos Apostolou e la sua rubrica “L’Angolo della Filosofia”, Maria Rosaria Perrone, Rita Bompadre e innumerevoli poeti e scrittori che hanno voluto onorare la rivista con i loro scritti e che ringrazio. Un grande supporto dalla sempre efficiente e preziosa Mariantonietta Valzano, con le sue rubriche fisse, ha permesso che si giungesse a uno straordinario incremento di lettori che hanno apprezzato i suoi “Consigli di lettura” e “Il punto di vista”. Concludo augurandomi che questa piccola realtà letteraria, e non solo, possa continuare il suo cammino, citando le parole di Malala Yousafzai, una piccola-grande donna, “Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne. Sono le nostre armi più potenti.”

Maria Rosaria Teni

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Editoriale. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.