IN PROSA E IN POESIA: “Sonetti scherzosi e satirici” a cura di Lorenzo Fiore

Inquietudine esistenziale

Sono qui, ma vorrei trovarmi là.

E’ adesso, perché invece non è ieri?

Perché piovon piaceri e dispiaceri

d’imperscrutabile casualità?

 

Di contingenza e di necessità

testardamente percorro i misteri

sempre sperando di trovar sentieri

per l’intervento della volontà.

 

Ma poco senso ha questa malintesa             

ricognizione, e da buon empirista

dovrei lasciar da parte ogni pretesa;

 

ma non so non pensarci, e mi rattrista;

ora in specie che sono qui, in attesa,

nella sala d’aspetto di un dentista.

 Sonetto tratto da L. F.  Conti aperti con il Mondo, YCP, 2020

 Il sonetto ha avuto spesso una veste aulica e contenuti alti e raffinati. Tuttavia, almeno dal tempo di Cecco Angiolieri si è sviluppata anche una versione più popolare, in forma non raramente dialettale, volta al gioco, allo scherzo, alla satira e alla polemica. In questi tempi così difficili, in cui si avverte il bisogno di qualche conforto, ho pensato di proporre in questa rubrica un intermezzo costituito da sei sonetti “popolari”, in cui satira, gioco e polemica sono espressi con garbo, umanità e intelligenza. L’ultimo dei sei sonetti l’ho scelto anche per la sua inquietante attualità.
Gli autori sono quattro, due romani (Belli e Trilussa) e due toscani (Giusti e Fucini).
Ho premesso, secondo lo schema usuale, un mio sonetto, di carattere scherzoso. Chiedo venia.

Giuseppe Gioacchino Belli  1791-1863

ER BOJA

Er guajo nun è mmica che cqui oggn’anno

Ar Governo nun fiocchino proscessi:

Li delitti, ppiú o mmeno, sò l’istessi,

E, ppe ggrazzia de Ddio, sempre se fanno.

 

Ecchelo er punto indove sta er malanno:

Che mmó li ggiacubbini se sò mmessi

Drent’a li loro scervellacci fessi

Ch’er giustizzià la ggente è da tiranno.

 

Nò cc’abbino li preti st’oppiggnone:

Sempre però una massima cattiva,

Dàjje, dàjje, la fa cquarch’impressione.

 

E accusí, ppe llassà la ggente viva

S’innimmicheno er boja, ch’è er bastone

De la vecchiaja de li Stati. Evviva!

 

Giuseppe Giusti  1809 -1850

igiusti001p1

I PIU’ TIRANO I MENO

Che i più tirano i meno è verità,

Posto che sia nei più senno e virtù;

Ma i meno, caro mio, tirano i più,

Se i più trattiene inerzia o asinità.

 

Quando un intero popolo ti dà

Sostegno di parole e nulla più,

Non impedisce che ti butti giù

Di pochi impronti la temerità.

.

Fingi che quattro mi bastonin qui,

E lì ci sien dulgento a dire: Ohibò!

Senza scrollarsi o muoversi di lì;

.

E poi sappimi dir come starò

Con quattro indiavolati a far di sì

Con dugento citrulli a dir di no.

 

Renato Fucini  1843 -1921

ERCOLE

Ah! dell’occhio ‘un è nulla: e ‘na frussione;
Lo disse anco una donna ar mi’ marito:
Dice che cor cambia’ della stagione
Sia ‘r bollore der sangue ‘nviperito.

Ah! questo ar collo? questo ‘vi è ‘n bubbone,
Viene dall’esse’ ‘n po’ troppo nutrito;
Lo tasti sotto, senta che pancione!
E’ tutto cibo che nun è smartito.

E così la gran forza der bollore
Der gran sangue fooso ‘n movimento,
Si sa, si sfoga ‘n grandule e ‘n calore

Sente?… ha sentito? ha fatto un po’ di vento;
E parla ‘iaro, sa, questo fetore!
Esce ‘r cattivo e resta ‘r bono drento.

 

ER SAGRIFIZIO D’ISACCO

Abramoo. Mi ‘omanda, Onnipotente?

Se domattina ‘r tempo si rifà,

Piglia Isacco e una sciabola tagliente

Ho bell’ e ‘nteso, me lo fa ammazza’!

 

Ci hai dato drento! Scusi… nun per niente…

Ma creda mi rincresce ‘n verità…

Lei vòr vede’ ‘r su’ servo s’è ubbidiente…   

O cos’occorre? o tanto o che ‘un lo sa?

 

A quella rispostaccia ‘r Principale,

Dice, ‘ni rivogò ‘n tar pedatone

Da lassànnici drento lo stivale.

 

E allora Abramo, ‘ntesa la ragione,

Se n’andò via ‘n tralìce, dar gran male,

A da’ di rota ar vecchio sciabolone.

 

Trilussa (Carlo Alberto Salustri) 1871 -1950

A  LINA

Lina, te credi, perché m’hai piantato,

che me sucìdi e te ciariccomanni?

Nun te ce sta’ a pijà tutti ‘st’affanni,

ché nu’ lo fo’ ‘sto passo disperato.

 

Io nun m’ammazzo manco se me scanni:

doppo anneressi a di’ p’er vicinato

che p’er grugnetto tuo ce s’è ammazzato

un giovenotto de ventiquattr’anni!

 

Così diventeressi interessante

a la barba d’un povero regazzo,

e te aritroveressi un antro amante…

 

Ma co’ me nun se fanno cert’affari!

Piuttosto dò a d’intenne che m’ammazzo

per causa de dissesti finanziari.

 

LA STRETTA DE MANO

Quela de da’ la mano a chissesia

nun è certo un’usanza troppo bella:

te pô succede ch’hai da strigne quella

d’un ladro, d’un ruffiano o d’una spia.

 

Deppiù la mano, asciutta o sudarella,

quanno ha toccato quarche porcheria,

contiè er bacillo d’una malatia

che t’entra in bocca e va ne le budella.

 

Invece, a salutà romanamente,

ce se guadagna un tanto co’ l’iggene

eppoi nun c’è pericolo de gnente.

 

Perché la mossa te viè a di’ in sostanza:

— Semo amiconi… se volemo bene…

ma restamo a una debbita distanza. ­

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in "In prosa e In poesia". Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.