“Non ho mai svenduto” di Roberto Luzi

Un incipit di forte impatto annuncia l’evolversi di un’anima che, attraverso la liricità, attinge alla natura sognante per affrontare un’esistenza altresì affidata alla speranza, ma contemporaneamente combattuta tra diverse sensazioni di “spasmi e carezze”, nell’innocente nudità infantile cui fa riferimento il poeta.  Una lirica che avvolge come in una spirale di sogno e realtà in cui si affaccia la percezione del reale, pervaso da ingannevoli illusioni. [M.R.Teni]

Non ho mai svenduto la fantasia di un sogno,
ho cercato sempre nuove realtà
a questa mia esistenza piena e sognante.

Possiedo l’anima di un bimbo
messo a dormire in un oceano
di spasmi e carezze.

Rinascerò con abiti nuovi
nella follia di un dubbio,
coltiverò l’eresia di questo amore,
saprò guardare con occhi diversi
questa vita che ubriaca i suoi eccessi
di falsa speranza.

Roberto Luzi

Roberto Luzi

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.