“Ascolto in silenzio… mi emoziono” di Patrizia Persico

ASCOLTO IN SILENZIO… MI EMOZIONO
sulle note di “NULLA ANIMA”

Ascolto in silenzio una canzone donatami da un’amica e mi emoziono. Ho gli occhi lucidi, percepisco forte un grido disperato. Chiedo di leggere il testo nella sua interezza per essere certa di aver colto ogni sfumatura dell’angoscia della scrittrice, ben rappresentata nell’interpretazione.

Il tema dell’abbandono pervade la lirica, pregno a sua volta della pena per il tempo che passa! Sono i temi poetici per eccellenza che descrivono la morte dell’amore, il declinare di un’esistenza che forse si è troppo poggiata su un altro; è uno strappo terribile! “Nulla anima” è sinonimo di nessuna speranza, in effetti nel testo nulla permette al lettore di percepire altro se non il nulla appunto, l’assoluta mancanza di speranza, ma accanto al dolore e alla disperazione, io percepisco una sottile rivoluzione intima nel ritmo delle parole, un’enorme voglia di riscatto di quella figura femminile che rappresenta tante donne, di oggi, di ieri, di sempre. Donne tradite, violate, sconfitte, ma pronte a ricominciare.

 È sottile la traccia positiva, la scopro in quell’onda del mare, che cancella i ricordi, è vero! Ma si apre ad una forza nuova che non insegue più il sogno, che si farà realtà propositiva e costruttiva per una vita nuova.

La protagonista di questo testo non è una moderna Madame Butterfly, ma una delle tante giovani donne che cadono e si rialzano a testa alta, puntando solo su sé stesse. Come diceva A. Christie “la vita ha spesso una trama pessima”, sta a noi abbellirla.

Incredibilmente commossa, ringrazio l’autrice per questo splendido spaccato di vita. Ha dipinto il tormento femminile come solo un grande pittore dell’anima sa fare.  Grazie.
Patrizia Persico

Ringraziamo Patrizia Persico per la sua recensione puntuale e accurata e, soprattutto, per aver messo in luce aspetti e caratteristiche del brano che fanno risaltare maggiormente la profondità del testo che di seguito si può seguire:

NULLA   ANIMA

E ti muovi lentamente
tra le stanze
cerchi il niente
e sei sola
stai pensando
lui non torna
non tornerà mai più
e il silenzio
si dilata / ti consuma
e il vuoto ti divora
nella mente / nell’anima

E rincorri il ricordo
non esiste / non rivive
il tempo passa
tutto prende
e cancella come l’onda
ogni orma…
Nulla anima

Le carezze tra le dita
abbozzate a malapena
sono vane/ è già finita
non è stata / che nel sogno
una storia sfiorita
tu, per sempre sola/ tu
combatti con le ombre
di un passato inconsistente
che fa male / ancora

E insegui i momenti
sono stati / scolpiti
a memoria risucchiati
dalla marea del tempo
vano e ora…
Nulla anima                               

 

Annunci

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Recensioni. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...