“Li purciddruzzi te na fiata” di Giancarlo Scardia

Ospitiamo una poesia dialettale, composta da Giancarlo Scardia, che ha come soggetto i “Purciddruzzi”, dolci caratteristici salentini del periodo natalizio, preparati a più mani da mamme sapienti e rassicuranti e bimbi impazienti e laboriosi. Ricordi d’infanzia si intrecciano tra versi di forte connotazione emotiva e  nostalgica e consapevolezza di aver smarrito quella magica atmosfera di “famiglia tutta riunita…”, nel miracolo del  Natale. La lingua dialettale è tradotta, pertanto anche i  lettori non-salentini potranno gustare la lirica che ha tutto il merito di essere pubblicata. É un mio personale tributo alla mia terra, ai sapori e dolcezze familiari perdute, ma mai scordate. [M.R.Teni]

Na coppa te plastica bianca
comu fonte battesimale
a centru, subbra la banca,
dubbata comu n’altare.

Ntornu alla coppa, chicàte,
le fimmine se tiane te fare:
purciddruzzi pijàti a francàte,
pronti te cunfettare.

Mintìane dra bella francata
Intr’a piatti te carta pittàti.
Te mele na bella culata
e cannellini poi sparpajati.

Piccinnu, jou, nu bitìa l’ura
cu ssaggiu dre prelibbatezze.
Nu me bicinà però pè paura
ca mama me spezza le razze!

Ssittatu, mmantatu e spilusu,
li pieti subbra la brascera,
me calava e lliccava lu musu
mentre mama me facìa na cera..!

Finalmente rrià lu mumentu
la cunfettata s,ia difridduta:
me ausava te scattu, cuntentu
cu la facce te la roscia arduta.

Nu busà cucchiarini o curtieddri,
cu le mane li pijà doi la fiata!
Dri mumenti, ma ci eramu beddri,
la famija tutta riunita…

Core, core mia, tamme nu suennu,
famme turnare na notte, mmamminu,
a quannu lu papà Americu ritìa ticennu
“Maria, sta rria Natale, stasira friscimu!”

Portame ardore, fumu, calore
sueni e rumori te intra alla cucina…
Dri purciddruzzi tìane sapore
te festa vera, sira e matina…

Osce allu bbarra li iti,
lu prezzu subbra, ncuddratu,
ma certu nu su sapuriti
comu a quiddri ca b’aggiu cuntatu.

Cu dri sordi ca spienni te ccatti
pasta fritta, te mele ccunzata…
Ma nu truei mai, chiui intr’a dri piatti
lu Natale ca nc’era na fiata…

(Giancarlo Scardia)

 

I “Purciddruzzi” di un tempo*

  • Il termine “Purciddruzzi” è di fatto intraducibile: è il nome salentino dei dolci caratteristici del periodo natalizio.

Una coppa di plastica bianca
come una fonte battesimale
al centro, sopra il tavolo,
addobbato come un altare.
Intorno alla coppa, chine
le donne si davano da fare:
“purciddruzzi” presi a piene mani,
pronti per essere cotti nel miele.
Mettevano quella bella manciata
in piatti di carta colorati.
Una bella colata di miele
e di anisetti sparsi sopra.
Piccolino, io, non vedevo l’ora
di assaggiare quelle prelibatezze.
Non mi avvicinavo però per paura
che mia madre mi spezzasse le braccia!
Seduto, accucciato e voglioso,
i piedi sul braciere,
mi mordevo e mi leccavo le labbra
mentre mia mamma mi faceva una cera…!
Finalmente arrivava il momento
la confettata si era raffreddata:
mi alzavo di scatto, contento
col viso arrossato dalla brace.
Non usavo cucchiaini o coltelli,
con le mani li prendevo due alla volta!
Quei momenti, come eravamo belli
la famiglia tutta riunita…
Cuore, cuore mio, regalami un sogno
fammi tornare una notte, bambino,
quando papà Americo rideva dicendo
“Maria, arriva Natale, stasera si frigge!”
Portami odore, fumo, calore
suoni e rumori dalla cucina…
Quei “purcidduzzi” davano sapore
di festa vera, sera e mattina…
Oggi, nei bar, li vedi,
col prezzo attaccato sopra,
ma di certo non son saporiti
come quelli di cui ho raccontato.
Coi soldi che spendi compri
pasta fritta, cosparsa di miele…
Ma non trovi mai più in quei piatti
il Natale che c’era una volta…
(Giancarlo Scardia)

Note biografiche:
Giancarlo Scardia, 51 anni di Salice Salentino (LE) è musicista, compositore, docente di musica e di sostegno nella scuola media. Oltre a cimentarsi nella scrittura di poesie in vernacolo legate alla sua terra è direttore di una compagnia di teatro musical. E’ anche autore di commedie e opere teatrali.

15380858_1298003040257702_5733921603174199323_n

 

Annunci

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...