“I miei ritorni” di Giuseppe Chiera

È rimasto d’antico solo il vento che nelle verdi albe sospinge dalle valli dei torrenti, i leggeri profumi di aranceti e oleandri”. Basterebbero questi versi a caratterizzare la liricità e la struggente melanconia di cui è pervasa l’intera poesia, che si muove intorno al tema del ritorno nel paese originario mai dimenticato. Immagini delicate e dipinte con talento che imprimono ai  versi pennellate di grande emozione.
[
M.R.Teni]

La sua mano cercò la mia,

era tanto gelida in quella giornata

baluginante di sole.

Un cane sonnecchiante,

con la testa sulle gambe distese,

si stiracchiò stancamente,

diede uno strappo

alla cordicella penzolante,

mi fissò per un istante e si avviò.

Sullo scalino di pietra,

una nonnina giaceva

col viso nascosto nel secco grembo

e dormiva al pari del mare sulla spiaggia

e del vecchio sognante spazzi astrali.

I miei ritorni in Calabria,

sono sempre più rari,

le rondini sono emigrate per sempre

e le cornacchie non volteggiano più

intorno al vecchio castello.

È rimasto d’antico solo il vento

che nelle verdi albe

sospinge dalle valli dei torrenti,

i leggeri profumi di aranceti e oleandri.

Nelle silenti e illuminate vie,

si muovono confuse solo ombre,

i miei compaesani,

l’incontro sempre più numerosi,

giacenti via via tra tombe sparse,

mentre balbetto a voce alta le preghiere.

“Te lo ricordi questo?”

Commosso mi domandò:

“Papà e quest’altro? Poveretto!

un giorno anch’io sarò qui tra loro

dove non ho mai

sognato di trovarmi.”
Giuseppe Chiera

img_20160430_131359

Annunci

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a “I miei ritorni” di Giuseppe Chiera

  1. Silvana Rossellini ha detto:

    Le radici rimangono sempre intorno della propria terra
    Complimenti davvero bella

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...