Poesie inedite di Pietro Pancamo

Accolgo con piacere la richiesta di pubblicare alcune poesie inedite di Pietro Pancamo, poeta classe 1972 che scrive per la piattaforma culturale di Hong Kong «Beyond Thirty-Nine». Ha collaborato, come recensore, con il «Corriere della Sera». Dopo essere stato incluso nell’antologia «Poetando» (Aliberti) curata da Maurizio Costanzo, si è visto pubblicare una breve raccolta di versi dal blog «Poesia» della Rai e dedicare una puntata del programma «Poemondo» dalla radio nazionale della Svizzera italiana. Fra le riviste da cui è stato recensito –o su cui ha pubblicato poesie, articoli o racconti– figurano «Poesia» (Crocetti Editore), «Vibrisse», «Gradiva», «Atelier», «Tuttolibri», «La poesia e lo spirito», «Poeti e poetastri» (portale gestito dall’agenzia letteraria “Perroni & Morli Studio”, strettamente connessa all’editore Bompiani), «IF. Insolito & Fantastico» (una delle più autorevoli riviste italiane di narrativa fantastica), «Filling Station» (quadrimestrale canadese) e «Snow Monkey» (periodico statunitense). Le sue opere, originali nell’esposizione, trasmettono emozioni profonde attraverso una nitidezza del verso ed un’eleganza iconografica sapientemente costruita. «Processioni di frasi…» o « Un gregge di bagliori alle pendici dei versi…» o ancora «Le nuvole sembrano covoni di luce, capanne di fieno intorno al pagliaio del sole…», tanto per citare frammenti di versi, lasciano sorpresi per l’efficacia descrittiva e lirica che producono e che denota un’arguta perizia tecnico-analitica. Una lettura assai coinvolgente e preziosa.
( Maria Rosaria Teni)

VERANDE D’AZZURRO
I

Un laghetto di fumo nel cuore… Processioni di frasi lasciano calzature d’intelligenza prima di entrare nella moschea delle bocche.

II

I profumi sorridono tra le maschere di foglie. E lettere serpentine
indossano pastrani di luce.

III

Un gregge di bagliori
alle pendici dei versi
nasconde l’Ulisse della mia ispirazione…
Canicola di gioia, tanfo d’allegria
negli sguardi ciclopici del solo occhio giornaliero. Spranghe di felicità
negli acuti del sole
e, fra verande d’azzurro, spaventapasseri di poesia…

IV

Tachicardia di vento nei vestiti: il vento, cuore del cielo…
Le nuvole sembrano covoni di luce, capanne di fieno
intorno al pagliaio del sole. Nel raspo degli alberi
festoni d’aria, e gli occhi sono brandelli di nostalgia tra festuche di tempo allegro.
Stelle filanti d’erba, pendii agitati fra la bonaccia della pianura…

V

Terra diroccata e baracche di collina. Villaggi di sole.
Dal lievito nullo di rocce azzime,
paesini salgono
pioli di luce.
Pietro Pancamo

Per contatti: pipancam@tin.it; pietro.pancamo@alice.it

Annunci

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Poesia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...