“Incontro con Mariantonietta Valzano” a cura di Maria Rosaria Teni

Mentre vengono pubblicati gli ultimi capitoli del romanzo “La donna con la camicia da uomo” di Mariantonietta Valzano, ho pensato che fosse giunto il momento di conoscere più da vicino questa giovane scrittrice romana, invitandola a raccontarci qualcosa di sè e del suo percorso letterario. Segue quindi una sorta di piccola intervista con l’autrice di un romanzo che molti lettori della rivista hanno apprezzato e seguito.

La scrittrice Mariantonietta Valzano

La scrittrice Mariantonietta Valzano

Mariantonietta Valzano è nata e vive a Roma dove svolge con amore la sua attività di docente della scuola primaria da più di vent’anni. Ha fatto diverse esperienze professionali nella scuola, ricoprendo ruoli e espletando attività di supporto e coordinamento per docenti ed alunni. Negli ultimi anni in collaborazione con il Prof. Scaradozzi dell’Università Politecnica delle Marche sta portando avanti il progetto sperimentale di robotica nella scuola primaria, a cui sono stati attribuiti riconoscimenti nazionali ed internazionali.
Appassionata di cinema e letteratura, una divoratrice di libri e film.
Ha scritto varie opere e pubblicato il primo libro due anni fa “La nicchia di Venere”, ora sta lavorando alla pubblicazione del secondo “La donna con la camicia da uomo”.

 Benvenuta Mariantonietta nella nostra rivista culturale e diamo inizio alla nostra intervista parlando subito di te e della tua passione per la scrittura. Com’è nato in te il desiderio di scrivere e far conoscere agli altri il tuo mondo letterario? Chi è Mariantonietta Valzano?
In me non è nato il ‘’desiderio di scrivere’’. In realtà non è un desiderio, è un modo conscio o inconscio, che dir si voglia, in cui mi esprimo. È una via di fuga e allo stesso tempo un modo per restare in contatto con il mondo. Ho bisogno di scrivere, mi devo ‘sfogare’. Lasciare andare quello che penso e quello che sento. Per il resto sono molto semplice. Sono una persona, come tutti con dolori e gioie, buio e luce. Cerco di sorridere ed avere speranza.

C’è un filo conduttore che attraversa i tuoi libri? Un terreno comune dove i protagonisti si animano e vivono la loro storia?
Il filo comune è il riscatto dal dolore. In modi diversi scrivo di come da una sofferenza sorda e profonda si possa tornare a sentire la vita. Ma scrivo anche il contrario di come la gioia di vivere non può sacrificarsi al dolore più acuto. Scrivo di come si lotta per alzarsi dopo la caduta e di come la caduta non deve cambiare l’intima natura. Poi il contorno politico e sociale è frutto di ciò che penso. Nella ‘’Nicchia di Venere’’ mi è stato fatto notare di aver descritto una situazione molto attuale. Io quel libro l’ho scritto nel 2005 e finito nel 2006. Quindi…. Purtroppo ‘’penso’’.

 A quale dei tuoi lavori sei particolarmente legata e per quale motivo?
Sono legata a tutto, perché ogni cosa che scrivo ha un significato personale. Non potrei sacrificare nulla all’oblio. Allo stesso tempo non torno indietro a rileggere ciò che ho ‘’superato’’. Ogni libro, ogni mio scritto è un passo per andare oltre. Un passo verso il domani. I miei libri sono la mia evoluzione, il mio divenire.

 Parliamo del romanzo pubblicato a puntate su “Cultura Oltre”, ossia “La donna con la camicia da uomo”: perché questo titolo dal significato ardito e quasi provocatorio?
Il titolo si riferisce alla ferita profonda che una donna prova nel perdere quel ‘’quid’’ che fisicamente ti lascia essere femminile. Allora per continuare a combattere ci si mette una camicia, una camicia da uomo, che nasconde un’essenza più profonda dell’essere donna. Il fascino sottile e penetrante delle donne che combattono, sorridono e amano nonostante tutto. Credo che non ci sia nulla di più affascinante di una donna che sia in grado di essere se stessa anche se ferita nel profondo.
Margaret lotta e ama in modo cristallino e leale. È un ‘’animo puro ’’ che diventa incredibilmente femminile con una camicia da uomo addosso.

 Cosa riconosci di te nella protagonista Margaret?
Come in ogni libro io sono più persone. In questo Margaret è una mia metà. Diciamo abbondante metà. Tutto ciò che è lei sono io. Il resto lo lascio al lettore.

Riveli, nei tuoi libri, una predilezione per il genere poliziesco ed avventuroso, con una dinamica interna sapientemente dosata. Chi sono stati o chi sono tuttora i tuoi ispiratori?
Io leggo tantissimo, ma non mi ispiro a nessuno. Sarebbe un onore troppo grande per me. Non so neanche io perché scrivo così. So solo che scrivo partendo dalla fine. Tranne in un unico caso, che ancora non ho pubblicato e non so se lo farò mai. Dipende da quando deciderò la sua ‘’fine’’.

 Hai pensato di andare avanti con la stesura di altri libri?
‘’Ritorno all’origine ‘’ è il libro di cui accennavo sopra, con venti pagine alla fine. Poi ho iniziato ‘’All’ombra del buio’’, thriller spionistico ambientato in Scozia.

 In conclusione, ti chiedo quanto la scrittura sia stata importante per la tua vita ed il tuo percorso culturale.
La scrittura mi ha liberato, mi ha fatto volare dentro la mia anima esplorandone le pieghe e trovando la forza e la speranza. È e rimane importante nel dispiegare me stessa. Nel dire ciò che non sono capace di dire.

Salutiamo dunque la nostra giovane autrice, con l’auspicio di vedere presto la sua opera “La donna con la camicia da uomo” nelle librerie di tutta Italia.

Maria Rosaria Teni

Annunci

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Interviste. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...