“Italia” di Giulio De Matteis

Oh Italia mia
mi ricordo quando ti vedevo
dall’alto dalla funivia
o quando passeggiavo per la via.
Io ti amo come la vecchia 500 di mia zia,
tu sei solo mia;
non di quei parlamentari,
che vanno in giro senza itinerari,
che usano il Porcellum per mangiarti,
il Mattarellum per schiacciarti,
o altri nomi strani che non sto lì a nominar,
perché son dispiaciuto e devo andar.
Ti saluto cara mia,
ma mi piacerebbe con te scappar via.
Giulio De Matteis
( Novoli)

Secondo Premio Sezione Scuola media inferiore

Annunci

Informazioni su culturaoltre14

Rivista culturale on line creata e diretta da Maria Rosaria Teni. Abbraccia diverse prospettive in ambito culturale, occupandosi di letteratura, studi filosofici, storico-artistici, ricerche scientifiche, attualità e informazioni varie sul mondo contemporaneo. Dedica particolare attenzione alla poesia ed alla narrativa, proponendo testi, brevi saggi, dissertazioni, racconti, riflessioni, interviste e recensioni.
Questa voce è stata pubblicata in Concorso "VITULIVARIA". Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...